Beauty

LA PELLE: come prendersene cura in gravidanza, ma non solo…

10 Novembre, 2020
Pelle in gravidanza

Ve l’avevamo detto che MammaPigna a partire da Ottobre avrebbe riservato una sorpresa dietro l’altra…

Con grande soddisfazione presentiamo la nuova sezione BELLEZZA FUORI DAL CORO, un appuntamento in collaborazione con “Le Marghi” due amiche consulenti di bellezza che ci guideranno nel magico mondo del “prendersi cura di sé stesse”, perché siamo convinte che ognuna di noi, mamma e non, debba coccolarsi un pochino!

In questo primo articolo scopriamo come “trattare” la nostra pelle nel delicato periodo della gravidanza… ma attenzione si tratta di un articolo che anche le non mamme dovrebbero leggere!

A cura di Le Marghi

A tutte le (future) mamme pigne…

In questo articolo vogliamo parlarvi dei cambiamenti della pelle durante il meraviglioso periodo della gravidanza e di quei piccoli accorgimenti che possiamo avere per cercare di mantenerla al meglio, nutrita ed elastica.

Ricordiamo che la pelle è l’organo più esteso del nostro corpo ed è composta dal 70% di acqua, ma forse non tutti sanno che è estremamente “intelligente”, ovvero è in grado di difenderci dalle aggressioni esterne e di proteggerci, oltre a creare costantemente cellule nuove per mantenersi in salute, e contrastare l’invecchiamento cutaneo; non per questo però siamo giustificate dal non prendercene cura, perché se da una parte è vero che è un organo intelligente, dall’altra è vero che ci accorgiamo ben presto se viene trascurata, a maggior ragione durante un periodo come quello della gravidanza, dove già gli ormoni si impegnano a lavorare!

Gravidanza

Cosa intendiamo per prenderci cura della nostra pelle, soprattutto in un periodo delicato come quello della gravidanza?

Durante questi nove mesi la pelle, come il resto del corpo e come tutti gli altri organi, subisce delle variazioni, risultando più sensibile alle aggressioni esterne, piuttosto che a diversi tipi di in estetismi quali macchie cutanee o dermatiti, e spesso questi cambiamenti sono inevitabili, proprio perché causati dalle varie modificazioni ormonali che avvengono nell’organismo femminile.

Come possiamo dunque cercare di limitare i danni cutanei causati dalla gravidanza?

Sicuramente prestando più attenzione in generale a tutte quelle cure quotidiane di cui la pelle necessita, da una detersione corretta del viso e del corpo, ad un’idratazione maggiore, sia dal punto di vista dei prodotti cosmetici che dal punto di vista dell’assunzione di liquidi, e per liquidi intendiamo acqua! (O tisane, of course)

Il rischio maggiore che corriamo per quanto riguarda gli inestetismi della pelle del viso che si manifestano in gravidanza È sicuramente quello di trovarci con le macchie cutanee (che magari fino a quel momento a noi erano sconosciute) meglio conosciuto come “cloasma gravidico”… Potremmo aprire una parentesi lunga una vita inerente alle macchie, ma siccome è un argomento ampio lo approfondiremo in un secondo momento, ci limitiamo solamente a dirvi che è molto importante sia in estate che in inverno non trascurare la protezione solare alta, e non dimenticare di esfoliare il tessuto una volta a settimana circa (questa è una regola generale, poi ogni tipologia di pelle merita le sue diverse attenzioni, e nessuno più di una consulente di bellezza può consigliarvi il trattamento idoneo per voi)!

Un altro fastidioso inestetismo di cui può soffrire una donna in dolce attesa è l’acne, che purtroppo può ripresentarsi in soggetti che ne hanno sofferto durante gli anni passati oppure può fare capolino proprio durante il periodo gestazionale, magari in forma più lieve.

Il nostro consiglio in questo caso è sempre quello di rivolgervi ad un’esperta del settore, ad una consulente che vi possa aiutare consigliandovi i prodotti e i trattamenti mirati per la vostra esigenza, e se necessario sarà lei stessa ad indirizzarvi ad un dermatologo.

Parlando invece della pelle del corpo, sicuramente la scocciatura più grande riguarda le smagliature, ovvero quelle fastidiose cicatrici/ striature che si presentano di colore rosa o violaceo, prima di diventare bianche quando ormai non c’è più vascolarizzazione nel tessuto sottostante. Le smagliature si possono presentare in tutto il corpo, ma ci sono delle zone nelle quali la donna è predisposta… ovvero seno, cosce, fianchi, addome, erroneamente a volte si pensa che si possano presentare solamente prima del parto, in realtà è possibile notarle anche dopo il parto, soprattutto se il tessuto torna velocemente com’era prima della gravidanza.

Le smagliature si possono infatti presentare in seguito a forti stress subiti dalla pelle, come ad esempio un aumento e una perdita repentini di peso (questo ovviamente vale anche per chi non è in gravidanza), o a causa di una scarsa idratazione e tonicità del tessuto, condizioni delle quali soffrono spesso le donne in dolce attesa….se pensiamo che la pelle durante i nove mesi si stende e si assottiglia sempre di più per fare spazio alla creatura che cresce dentro di noi…! Possiamo dire che la cosa più importante è la prevenzione, e con questo termine intendiamo un corretto apporto di idratazione al tessuto, in modo tale che rimanga elastico il più possibile, ma rivolgiamo l’attenzione anche all’importanza di una dieta corretta, sana ed equilibrata, e all’importanza di una moderata ma costante attività fisica (se la gravidanza e lo stato di salute lo rendono possibile).

Sicuramente per quanto riguarda il trattamento e la prevenzione delle smagliature in gravidanza è importante mantenere il tessuto costantemente idratato e nutrito, e questo lo possiamo fare attraverso l’applicazione quotidiana di prodotti cosmetici idonei, senza sottovalutare l’importanza dell’esfoliazione di tutto il corpo, che ci aiuterà anche a lenire quella sensazione di prurito che spesso accompagna la donna in gravidanza nell’arco dei mesi in cui la pelle si estende maggiormente. E non dimentichiamoci che anche in questo caso gli ormoni giocano un ruolo fondamentale, e quelli non li possiamo comandare noi!!

Ci teniamo a ricordare che l’esfoliazione, e questo vale per tutte le parti del corpo (mani e piedi comprese), aiuta a eliminare le cellule morte che si trovano nello strato più superficiale della nostra pelle, e compiendo questo gesto permettiamo a tutti i prodotti che andiamo ad utilizzare successivamente di penetrare meglio e quindi di risultare più efficaci.

Come abbiamo detto in precedenza è molto importante curare l’alimentazione, per essere sicure di apportare al nostro organismo, e di conseguenza alla nostra creatura, tutti i nutrimenti necessari, ed è allo stesso tempo importante per mantenere la pelle elastica il più possibile.

Inoltre per fare questo possiamo avvalerci anche dei prodotti cosmetici che troviamo in commercio, purché siano certificati e sicuri per una donna in dolce attesa.

A questo proposito ci viene spontaneo consigliarvi due tipologie di prodotto: la prima è un olio estremamente conosciuto, nominato e utilizzato spesso, e stiamo parlando dell’olio di mandorle dolci, noto per le sue proprietà emollienti, elasticizzanti e nutrienti, poiché ricco di acidi grassi; l’ideale è utilizzare un olio spremuto a freddo, naturale al 100%, che non contenga conservanti o profumazioni aggiunte. È un olio facilmente reperibile in commercio, e l’importante è iniziare ad utilizzarlo dall’inizio della gravidanza, meglio se su pelle umida, massaggiandolo in tutto il corpo!

Olio di mandorle

Il secondo prodotto è un burro ristrutturante per il corpo, completamente naturale, composto solamente da ingredienti certificati biologicamente al 100%.  Si tratta di Restorative Body Butter di Inlight, una perfetta sinergia di oli (ad esempio olio di jojoba e di sesamo, ma anche di carota e di oliva) e Burri ad azione nutriente, cicatrizzante, ristrutturante, emolliente, antiossidante, ottimo quindi per prevenire le smagliature mantenendo la pelle elastica e nutrita, ma fondamentale anche per svolgere un’azione anti invecchiamento del tessuto. È un prodotto ideale per le pelli sensibili, ed è indicato anche per trattare le cicatrici post operatorie.

E poi, diciamocelo, a differenza dell’olio di mandorle dolci, ha una profumazione estremamente piacevole e coinvolgente!

Arrivederci al prossimo appuntamento…

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply